Massaggio connettivale

Il massaggio connettivale fu ideato da E. DICKE una fisioterapista tedesca che, praticando frizioni profonde sulla regione sacrale del suo corpo, riscontro’ un miglioramento della sintomatologia dolorosa e del trofismo del suo arto inferiore di cui fu prospettata l’amputazione.

il massaggio connettivale viene largamente impiegato in terapia e nel settore dell’estetica e del benessere corporeo. L’applicazione massoterapica connettivale risulta molto utile nei casi ove sia necessario uno scollamento del tessuto per aumentare o migliorare situazioni di natura funzionale.Se c’è un aumento della tensione dei tessuti sottocutanei circostanti, i tessuti si solleveranno con minor intensità rispetto a quelli normali. Per via riflessa, l’azione del massaggio connettivale migliora la vascolarizzazione delle zone trattate, con un maggior apporto di sangue e degli elementi nutritivi a tutti i tessuti interessati dal massaggio.

l’azione defibrosante e depolimerizzante del massaggio connettivale è utile anche nei casi di cellulite fibrosa e fibro-edematosa, rughe, cicatrici, pelle asfittica.

Condividi il benessereShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest